Questo sito utilizza cookie anche di terze parti, per migliorare l'esperienza utente. Chiudendo questo banner, cliccando al di fuori di esso o navigando su questo sito acconsenti all'uso dei cookie. Per saperne di più clicca qui

Genocidio popolo armeno, Pace: mozione segno di solidarietà

Creato Venerdì, 30 Settembre 2016 12:31

Genocidio popolo armeno, Pace: mozione segno di solidarietà

Lo stermino di 1.000.000 di armeni, negli anni antecedenti la prima guerra mondiale, ha segnato tragicamente l’inizio del ventesimo..

..secolo. Come ricordato da Papa Francesco, in occasione della Santa Messa di commemorazione per il centenario dello sterminio, tenutasi in San Pietro lo scorso 12.05.2015, la deportazione e l’uccisione di massa del popolo armeno deve essere riconosciuto come il primo genocidio della storia del ventesimo secolo. Sono ancora molti gli Sati che, nel timore di inasprire i propri rapporti con la Turchia, si discostano dall’uso del termine genocidio, poiché la stessa Turchia si limita a chiamarli “eventi del 1915”. È proprio il tema del negazionismo che ha portato il Consiglio Regionale della Basilicata, nella persona del Consigliere Pace, con la mozione dello scorso 27 settembre, a dimostrare la piena solidarietà al popolo armeno per il tragico evento. Mozione, questa, approvata all’unanimità. Ha dichiarato il Consigliere Pace: “L’approvazione della mozione è la testimonianza della profonda stima e fraternità che lega i nostri popoli. Il nostro è un serio contributo alla ricerca della verità storica che più volte, ed ancora oggi, si è soliti occultare. Una vicenda, quella degli armeni - prosegue il Consigliere - che vorrei ricordare tramite una parola sconosciuta ai più: Medz-yeghern, ovvero “Il Grande Male” . Per troppo tempo infatti su questi crimini è calato un velo di silenzio, riteniamo quindi che una deliberazione del genere possa rendere almeno in parte giustizia alla memoria delle vittime.” Nelle ultime ore, tanti sono stati gli attestati di stima da parte della comunità Armena e dalla stessa Ambasciata a Roma, che con nota ufficiale, ha voluto esprimere tutta la sua gratitudine trasmettendo la decisone alla Direzione del Memoriale del Genocidio della Memoria, insieme a tutti gli altri che hanno adottato simili provvedimenti. L’ambasciata Armena, a conferma della sua gratitudine verso il Consiglio regionale della Basilicata e dei membri, che ringrazio singolarmente per il voto unanime alla mia mozione, iscriverà nelle liste dei “Giusti” la nostra istituzione, a conferma del messaggio di pace e fratellanza che da noi è giunto al popolo Armeno.